GRAVIDANZA SETTIMANA 5

CAMBIAMENTI NEL BAMBINO:

Durante la 5° settimana di gravidanza l’embrione (chiamato così fino alla 12° settimana quando si comincia a considerarlo un feto), misura 1,25 millimetri di lunghezza. Lo scheletro dell’embrione comincia a formarsi. E’ in atto lo sviluppo di muscoli, ossa, sistema nervoso e cuore anche se questi non sono ancora rilevabili con i metodi diagnostici disponibili.

 

Non si percepiscono ancora grandi cambiamenti nel corpo, ma ormai c’è la consapevolezza di essere in gravidanza perché l’assenza di mestruazioni e test di gravidanza lo confermano.

Il primo sintomo che si avrà sono le nausee. Le nausee di solito si verificano al mattino e, a volte sono accompagnate da vomito e conati di vomito. Ci sono donne incinte che hanno nausea tutto il giorno, cominciando dal mattino, e che aumentano nell’arco della giornata. Ci sono alcuni rimedi domestici per alleviare la nausea, come mangiare più volte al giorno piccole quantità di crackers o di crosta di pane allo zenzero, arachidi, popcorn oppure bere durante l’arco della giornata, coca-cola, limonata o aranciata a piccoli sorsi. Sarebbe bene fare la colazione a letto prima di alzarsi.

In ogni caso, ogni donna incinta ha un alimento proprio per ridurre la nausea. Fortunatamente, la nausea è temporanea e scompare alla fine del terzo trimestre (settimana 13).

Un altro sintomo che si noterà è quello di urinare di frequente, questo continuerà fino al momento della nascita, a causa della pressione uterina sulla sua vescica. Il volume delle mammelle sarà aumentata.

Noterai maggiore tensione mammaria, che può essere a volte dolorosa. Appaiono piccole ghiandole intorno al capezzolo, così come un aumento della pigmentazione dell’areola. Vi sentirete più stanche e con un desiderio di andare a dormire prima della solita ora. Questo continuerà per tutta la gravidanza.

L’avversione per certi alimenti o odori che prima si tolleravano è frequente. Alcune donne incinte percepiscono all’inizio della gravidanza, un sapore metallico in bocca.

Il dolore nel basso addome e la sensazione di avere le mestruazioni persistono in questa settimana.

Un test di gravidanza è quasi certamente positivo, tranne in rare situazioni di cicli irregolari che si hanno ogni due o tre mesi. Questo test può essere acquistato in farmacia ed è facile da usare. Ci sono diversi tipi di test di gravidanza: in alcuni si raccoglie l’urina in un contenitore in cui si immerge uno stick, in altri lo stick è posto direttamente sotto il flusso dell’urina. I migliori sono quelli che consentono di rilevare piccole quantità di ormone hCG (hCG 15-30). Il farmacista è in grado di dare il giusto consiglio. Se si ottengono due righe rosse si è in gravidanza. Se si ottiene una linea rossa non c’è la gravidanza. Se si ottengono una linea molto rossa e una leggermente rossa significa che le gravidanza è solo all’inizio. Occorre sapere che a volte il test può dare un risultato negativo (linea rossa singola), questo non significa che non si è in gravidanza, ma che è troppo presto per avere un riscontro oggettivo. Aspetta un’altra settimana, e se non hai avuto il ciclo, ripeti ancora una volta il test.

Un’altra opzione è quella di fare un test di gravidanza di natura medica. Per questo dovete andare presso il vostro centro di salute e chiedere al medico di famiglia. Attraverso un test del sangue avrete il risultato in un giorno. Anche in questa analisi si determinano i livelli di gonadotropina corionica umana (HCG).

Nel caso di donne in gravidanza che soffrono di alcune malattie (diabete, ipertensione, malattie cardiache, ecc) occorre contattare lo specialista del caso per stabilire se modificare il farmaco che la paziente ha assunto fino a quel momento.

L’ecografia alla 5° settimana mostra una piccola vescicola gestazionale circolare con i bordi bianchi e l’interno nero. Sebbene non si visualizzi ancora l’embrione, possiamo determinare se la gravidanza è all’interno o all’esterno della cavità uterina (gravidanza extrauterina) e se la gravidanza è singola o multipla (a seconda del numero di vescicole).

Si dovrebbe continuare con acido folico (400 microgrammi/die) e di iodio (175 microgrammi/die).

[carousel-horizontal-posts-content-slider-pro id= “3895”]