PARTO STRUMENTALE

E’ il parto che al momento dell’espulsione richiede l’uso di uno strumento, forcipe o ventosa.

Questi strumenti vengono di solito utilizzati quando la fase di espulsione dura molto. Essi sono utilizzati anche per ridurre l’espulsione nei casi di malattie materne che controindichi le spinte materne come le cardiopatie, miopia elevata, la patologia del polmone e distacco di retina. Nei casi di sofferenza fetale o di distocia materna è indicato il parto strumentale.

  • Forcipe: Due bracci snodati che vengono inseriti nella vagina e applicati lateralmente sulla testa del feto. Questo aiuta il bambino a ruotare e a scendere.
  • Ventosa: Un pezzo di metallo, silicone o plastica, a forma di calice che viene inserito nella vagina e collocato sopra la testa del feto. Si collega a una pompa a vuoto che tira ad ogni contrazione per aiutare la discesa del bambino. Non viene utilizzata per ruotare la testa, a differenza del forcipe.
  • Spatole: Sono due rami simili a quelli del forcipe, ma non interagiscono tra loro. Agendo per pulsione e non per trazione come il forcipe. Cioè, l’azione è quella di far leva affinché la testa possa uscire.

Qualunque sia lo strumento utilizzato, la paziente deve sapere che L’Anestesia Epidurale non fa sentire alcun dolore, solo pressione a livello della vagina.

Vedi anche:

[carousel-horizontal-posts-content-slider-pro id= “4424”]